La banca dati documentale sul lavoro
Ricerca semplice Ricerca avanzata Ricerca incrociata
Il mercato del lavoro 2020. Una lettura integrata

La pandemia da COVID-19 ha determinato conseguenze fino a prima inimmaginabili sul tessuto sociale, economico ed occupazionale del nostro Paese, costituendo così uno shock improvviso sulla produzione di beni e servizi e sul mercato del lavoro. L'emergenza sanitaria, ancora in corso, determina così una perdurante situazione di incertezza sui tempi e sulle modalità della ripresa. Proprio in riferimento all'evoluzione del mercato del lavoro in Italia, dopo una dinamica fortemente negativa nei primi mesi dell'anno dovuta agli effetti delle misure di contenimento sociale imposte, da giugno a novembre sono stati recuperati 241 mila occupati, poco meno della metà della perdita innescata dalla pandemia, con un bilancio complessivo di 300 mila occupati in meno rispetto a febbraio. Le categorie più penalizzate dall'emergenza sanitaria sono state quelle già in precedenza caratterizzate da situazioni di svantaggio: giovani entro i 35 anni, donne e residenti nel Mezzogiorno. L'emergenza sanitaria ha anche prodotto un mutamento repentino e radicale della modalità di erogazione della prestazione lavorativa che è stata resa, laddove possibile, da remoto: il lavoro da casa, che nel 2019 coinvolgeva meno del 5% del totale degli occupati, nel secondo trimestre 2020 ha interessato il 19,4% dei lavoratori, per un totale di oltre 4 milioni di occupati. Circa le diverse strategie occupazionali delle imprese per la gestione del personale, sono stati combinati strumenti di flessibilità quantitativa ed organizzativa, fortemente influenzate dalle politiche di sostegno dispiegate durante tutta la fase emergenziale. Analizzando il flusso delle Comunicazioni obbligatorie, nel primo trimestre del 2020 il saldo medio tra attivazioni e cessazioni diminuisce con un valore positivo pari a 61 mila, nel secondo trimestre diventa negativo e nel terzo torna di nuovo positivo. La contrazione delle posizioni lavorative rispetto al 2019 ha interessato maggiormente la componente femminile con un divario che è aumentato progressivamente a partire dalla ripresa delle attività lavorative dopo la prima fase di emergenza sanitaria. Relativamente agli infortuni professionali, i primi nove mesi del 2020 evidenziano un quadro fortemente in calo rispetto al pari periodo dell’anno precedente (-15,8%), anche se la pandemia ha generato una nuova tipologia infortunistica, quella da contagio.

Apri: Il mercato del lavoro 2020. Una lettura integrata  pdf 4 MB

Soggetto emanante: Ministero del Lavoro et al.
Autore:
Data:
Tipologia: Rapporti annuali
Parole chiave: mercato del lavoro   comunicazioni obbligatorie   digitalizzazione   occupazione   disoccupazione   lavoro agile   economia   donne   statistica del lavoro   giovani   ammortizzatori sociali   analisi economica  

Documenti correlati
Excelsior informa. I programmi occupazionali delle imprese. Anno 2020
Rapporto annuale ISTAT 2020. La situazione del Paese
Il mercato del lavoro. Verso una lettura integrata
Il mercato del lavoro 2018 - Verso una lettura integrata
Il mercato del lavoro 2019. Una lettura integrata

Nella rete
ISTAT
INAIL
INPS
ANPAL Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Oakley skidglasögonGHD Plattång,Kate Spade handbags online,Planchas de pelo ghd baratas,Nike Air Jordan Shoes outlet nz,Herve Leger Rea,UGG hombre madrid,Isabel Marant homme pas cher,Piumini Duvetica Uomo Milano,Nike Air Max rea Sverige 2016,Billiga UGG Stövlar rea,Canada Goose jack dam,moncler hombre online,Canada Goose outlet baratas,Christian Louboutin Outlet Online,Chrome Hearts outlet Italia,Hollister Outlet,moncler Jacka Dam